DIARIO

parte 1

2013 Reichenau, photo by Franco MoroneRaffaella Luna

Il Canto

Frammenti di vita

e di tecnica vocale

 

Il suono viaggia nella mente e nel cuore come un soffio fluido, un compagno di vita, uno strumento che dimora nel nostro essere.

La voce è tutta la persona, il suo grado di maturazione, i turbamenti, le infelicità, le pulsioni, gli affanni, la sua esperienza umana.

Cantando il cuore si apre nel fiume dell’anima.

Imparare a cantare è una missione ed un dovere.

Introduzione
Considero il canto un linguaggio aggiunto, convinzione che si rafforza in me ogni giorno di più. Tutti abbiamo ricevuto il dono del suono che esprimiamo attraverso il linguaggio. Uno strumento che, consapevoli o no, custodiamo in noi. Penso che cantare con mente libera e cuore aperto sia tra le cose più belle ed emozionanti che si possano provare. La mente, ancorchè indispensabile alla nostra vita terrena, spesso è un ostacolo al mantenimento della nostra calma interiore. Condizionamenti, paure, ossessioni, infelicità sono prodotti della mente. Cantando il corpo mentale si unisce al cuore dell’anima.
Un pò di confidenze…

Da piccina amavo ripetere le canzoni che passavano in radio ad orecchio. Un’esperienza che fanno molti bimbi, ed è una delle cose più belle di quel periodo che serbo in me.

Mi era naturale ricordare la melodia ed il ritmo delle canzoni, naturale come respirare, sbadigliare, dormire. Non ho mai pensato potesse essere considerato un dono.

La voce e’ sempre rimasta viva e lucida nella mia mente e non ho mai smesso di ascoltarla. Col tempo il canto è rimasto un compagno fedele da cui mi sono anche allontanata per qualche tempo. Non pensavo fosse utile nè tanto meno indispensabile studiare qualcosa che consideravo di sapere già fare per conto mio.

Naturalmente allora non avevo pensato di cantare per professione, e non ritenevo opportuno dedicarmi allo studio, il mio pubblico erano i miei familiari e gli amici.  A Bologna un amico ascoltandomi cantare mi incoraggiò a prendere lezioni di canto. Quindi iniziai a prendere conoscenza dei primi rudimenti di tecnica vocale.

L’Accademia proponeva principalmente corsi di canto lirico e all’inizio provavo una certa titubanza perché non sapevo bene cosa aspettarmi. Sicuramente c’era in me anche un forte desiderio di giocare in un ruolo che non avevo ancora sperimentato: quello dell’allieva di canto.

I miei primi ascoltatori spesso associavano la mia voce a quella di altre cantanti famose. Se in un primo tempo questo mi faceva piacere, successivamente mi resi conto di quanto lungo fosse il percorso per raggiungere uno stile personale. Attraverso lo studio del canto speravo anche di acquisire un mio carattere musicale. 

La mia insegnante mi considerò in possesso di una buona vocalità con un timbro interessante. Iniziai ad esercitarmi sull’appoggio, la respirazione, le dinamiche e l’interpretazione.  I tempi di apprendimento che in prospettiva pensavo fossero brevi, in realtà si stavano diventavano molto più lunghi a causa delle materie e tecniche collegate allo studio ed alla comprensione del mio strumento.

La quantità di nozioni previste dai corsi era notevole. Mi sentii come se si fosse aperto un mondo fino ad allora praticamente inesplorato. Avevo sempre cantato spontaneamente e mi resi conto delle lacune che avrei dovuto colmare per apprendere le tecniche di canto lirico. Ma ero certa che questa pratica mi avrebbe fatto capire se questo percorso sarebbe stato funzionale ad esprimere meglio ciò che avevo dentro.

Mi ritrovai a fare i conti con una realtà nuova. Non avevo in mente finalità professionali o di carriera. Per me cantare fino ad allora, aveva un significato completamente diverso. Le prime lezioni invece di caricare il mio entusiasmo, sortirono l’effetto di farmi provare un certo disagio. Le indicazioni impartite dal mio insegnante durante le lezioni non facevano altro che accumulare incertezze e dubbi. Dover mettere in discussione qualcosa che già praticavo con facilità mi fece perdere sicurezza. Così cambiai scuola di musica….

 segue

GUESTBOOK
Annunci

2 risposte a "DIARIO"

  1. Ho visto e visitato il tuo nuovo sito, dalle foto ai commenti alle dediche, persino le ricette ecc ed è veramente bello il tuo sito, emozionante … Marta, Torino

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...